Confesercenti di Catania incontra il sindaco Pogliese

Insieme per il rilancio della città, tra le priorità: turismo e cultura: serve coesione e concertazione

250

Catania, 1 marzo 2021 – I rappresentanti della Confesercenti dell’area metropolitana di Catania, il presidente Claudio Miceli e il direttore Francesco Costantino, hanno incontrato questa mattina a Palazzo degli Elefanti il sindaco di Catania, Salvo Pogliese. All’incontro erano presenti anche l’assessore alla Cultura e Grandi Eventi, Barbara Mirabella, il capo di Gabinetto del Comune, nonchè direttore Turismo, Giuseppe Ferraro e il responsabile della neo nata associazione Assoartisti  di  Confesercenti, Gino Astorina.

Un incontro che è stata l’occasione per presentare al primo cittadino innanzitutto la nuova struttura organizzativa della Confesercenti etnea, costituita lo scorso agosto, ma anche per parlare, in un momento così difficile, di rilancio turistico e proposta culturale nella nostra città.

“Catania è una città importantissima dal punto di vista commerciale – ha ricordato il presidente Miceli – la nostra è un’associazione aperta al confronto e con un programma chiaro di azioni che possano sostenere il mondo produttivo. La crisi economica generata dall’emergenza Coronavirus certamente incide pesantemente e comporterà ancora per parecchi mesi conseguenze gravi”.

“Sarà una collaborazione reciproca e vi ringrazio – ha detto il sindaco Pogliese –  ho da subito apprezzato il grande dinamismo messo in campo”. “Questa Governance sta dando un nuovo slancio vitale all’associazione – ha aggiunto Francesco Costantino – abbiamo già allargato i servizi, con grande interesse al mondo delle start-up, tenendo conto anche del particolare momento storico che stiamo vivendo, cercando di dare risposte qualificate, concrete, immeditate”.

“Ci sono alcuni temi particolarmente prioritari in questo momento per l’amministrazione – ha sottolineato il sindaco – come rimettere in moto la macchina del turismo e dell’offerta culturale di  questa città. Su questo tema – ha aggiunto – abbiamo avuto il coraggio, e non è stato esente da critiche, tra le poche città in Italia, di proporre la scorsa estate alcune iniziative che ritenevamo utili per lanciare un segnale e ridare fiducia ai cittadini e al settore, utilizzando le risorse della tassa di soggiorno, predisponendo un nuovo regolamento e un’azione di  contrasto all’evasione, che ci ha permesso di triplicare gli incassi”.

“Abbiamo voluto coinvolgere una platea ampia di artisti e operatori culturali, con bandi inclusivi che dessero la possibilità a tutti di aderire.  Stiamo già lavorando per la nuova stagione estiva – ha sottolineato Barbara Mirabella – Sono felicissima di questo incontro e della nascita di Assoartisti uno spazio per gli imprenditori dello spettacolo e cultura. Non c’è dubbio che il settore degli eventi culturali e non solo, sia stato il più penalizzato in quest’ultimo anno, senza ricevere né ristori né tutele. Auspico davvero un cambio di passo, che permetta il giusto riconoscimento a migliaia di professionisti”.

 “L’amministrazione ha mostrato una grande lungimiranza la scorsa estate – ha commentato l’attore Gino Astorina – Ricordo come il teatro sia il luogo (fonte Università tecnica Berlino) indicata con la percentuale più bassa di contrarre il virus pari allo 0,5%, rispetto a supermercati (1%), uffici (8%) e scuole (2,9%), eppure è stato il settore più massacrato dalla pandemia, che oggi ha bisogno di ripartire ma con delle regole nuove. Serve coesione e  una visione comune – ha aggiunto –  non solo degli  artisti veri  e propri, ma di  tutta  quella macchina che sta dietro un sipario che si alza: scenografi, costumisti, addetti  alle luci, ai suoni, sceno-tecnici, senza i quali la macchina non potrebbe mai mettersi in moto”. “Vogliamo mettere insieme le piccole e medie imprese – ha concluso Miceli – Siamo già al lavoro per aprire un dialogo con tutti gli enti e mettere in rete i  servizi che potremo offrire.  Oggi siamo onorati di raccogliere la disponibilità del comune di  Catania”.